Home / Il Comune / Patto dei Sindaci

Patto dei Sindaci

 

Il Patto dei Sindaci

 

Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che coinvolge le autorità locali e regionali per aumentare l’efficienza energetica e favorire l’utilizzo di fonti rinnovabili nei propri territori.
Si tratta di un accordo volontario, attraverso il quale i comuni si impegnano a raggiungere e superare l’obiettivo europeo di riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro 2020.  Al fine di conseguire l’obiettivo, i firmatari del Patto (i Sindaci) devono innanzitutto predisporre un « Inventario di Base delle Emissioni (I.B.E.) », documento che consente di calcolare e quantificare le emissioni di un determinato comune e permettendo di stabilire i rispettivi potenziali di riduzione. Successivamente, dovranno redigere il Piano d’Azione Sostenibile (P.A.E.S.), il documento fondamentale che delinea le azioni e le tempistiche necessarie al conseguimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni.
L’adesione al Patto dei Sindaci va oltre al semplice aspetto energetico, in quanto è da considerarsi un’opportunità per garantire al proprio territorio maggiore sostenibilità ambientale e importanti benefici (sviluppo dell’offerta locale, creazione di posti di lavoro, risparmio sui consumi energetici e maggior efficienza nei servizi). Per saperne di più sul Patto dei Sindaci vai al seguente link.

Il Patto d’Azione per l’Energia Sostenibile (P.A.E.S.)

Il P.A.E.S. è il documento fondamentale nel percorso di adesione al Patto dei Sindaci, in quanto definisce gli obiettivi, le attività da svolgere, i finanziamenti da attivare, gli attori coinvolti pubblici e privato e le tempistiche per realizzare gli interventi, ma anche per il monitoraggio dei risultati ogni due anni.
Si tratta, quindi, di un Piano energetico comunale streategico, di iniziativa pubblica e privata, che prevede l’introduzione nel Comune di specifici programmi ed azioni volti alla riduzione (almeno del 20%) delle emissioni di CO2 in atmosfera, dei consumi (almento il 20%) di carburanti di origine fossile (petrolio, gas), l’aumento (almeno del 20%) della produzione di energia da fonti rinnovabili (fotovoltaico, biomassa, mini-eolico, geotermia, cogenerazione, etc). Alcuni degli interventi sono:

  • Opere di risparmio energetico sulle strutture pubbliche e nel territorio.
  • Miglioramento dei servizi ad alta intensità energetica (trasporto pubblico, illuminazione pubblica, etc.)
  • Revisione degli strumenti di pianificazione in chiave sostenibile (regolamento edilizio, PUM)
  • Attività di comunicazione che garantiscano l’aumentyo della consapevolezza dei cittadini ed il coinvolgimento di altri partner locali attraverso il processo partecipativo di Agenda 21 locale
  • Monitoraggio biennale sulla programmazione e i risultati delle azioni.

I principali settori di attività sui quali occorre intervenire e ottenere risultati concreti sono:

  • Edifici pubblici e loro efficientamento energetico
  • Edifici privati e loro efficientamento energetico
  • Edifici dei servizi terziari (commercio, turismo, etc.) e loro efficientamento energetico
  • Trasporti pubblici e privati (piano di mobilità)

Per la definizione e il buon esito degli obiettivi e delle azioni è fondamentale che questi vengano discussi e condivisi da tutta la comunità attraverso il processo partecipativo. Agenda 21 locale e il Forum cittadino sono gli strumenti di partecipazione regolamentati con la deliberazione di C.C. n. 42/2011.

Il percorso del Comune di Noto

Il Comune di Noto ha aderito al Patto dei Sindaci con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 17.12.2009 e rinnovato l’impegno con la deliberazione di C.C. n. 26.02.2013. Ha, inoltre, aderito all’intesa A.T.S. Obiettivo 2020 Val di Noto con i Comuni di Avola (Ente capofila), Rosolini, Pachino e Portopalo di C.P.. con deliberazione del C.C. n. 13 del 26.02.2013.  
Il Comune ha partecipato al bando regionale per il programma di ripartizione delle risorse finalizzato a finanziare la redazione dei P.A.E.S. comunali o in forma associata previsto dal D.D.G. n. 413 del 04.10.2013.
La consulenza per la redazione dei P.A.E.S. dei Comuni aderenti all’A.T.S. è stata affidata con bando pubblico alla Società ARTEC Esco.
Il Consiglio Comunale con deliberazione n. 4 del 29 gennaio 2015 ha adottato il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (P.A.E.S.) e le azioni comuni dell’intesa A.T.S. Obiettivo 2020 Val di Noto.
Il P.A.E.S. in data 20/02/2016  è stato trasmesso dall’Ente capofila alla Commissione Tecnica per  l’istruttoria presso il Covenant of Mayor Office della Comunità Europea di Brusselles per l’esame e la valutazione secondo le Linee Guida redatte dal JRC per la redazione del SEAP/PAES.
Per eventuali approfondimenti si possono consultare presso l’UFF. PAES i documenti e gli atti amministrativi adottati.

Quali sono le Linee di intervento del P.A.E.S. di Noto

Le linee d’intervento individuate dal P.A.E.S. di Noto sono:

  • Cod. SO.001 : Formazione e gestione, certificazione UNI CEI EN ISO 50001/2010, formazione dei dirigenti e linee guida per la gestione di acquisti nel rispetto della LCCA
  • Cod. ED.001: Pianificazione urbana e regolamento edilizio
  • Cod. ED.002: Promozione sul territorio della casa in legno
  • Cod. ED.003: Efficientamento energetico di scuole ed edifici pubblici (impianti FER)
  • Cod. ED.004: Promozione impianti FER, solare termico, pompe calore per impianti sportivi
  • Cod. IA.001: Centri Commerciali Naturali (C.C.N.), gestione spazi comuni per prodotti a Km0
  • Cod. IA.002: Facilitazione Gruppo Acquisto Solidale (GAS) di prodotti locali e Mercato del contadino
  • Cod. IA.003: Installazione impianti FER nelle aree artigianali, nei distretti produttivi – Smart grid
  • Cod. IA.004: Realizzazione programma supporto per giovani imprenditori
  • Cod. TR.001: Fruizione del territorio comunale, rete collegamenti a C02 zero, piste ciclabili, veicoli elettrici, acquisti mezzi elettrici comunali
  • Cod. TR.002: Turismo mare e barocco siciliano, rete collegamenti a C02 zero, sistemi points sul territorio e ricarica veloce veicoli elettrici
  • Cod. PS.001: Realizzazione del link « Patto dei Sindaci » sul sito ufficilale del Comune
  • Cod. PS.002: Campagna di sensibilizzazione al risparmio energetico (Ag.21.L) – Progetto nelle scuole con l’istituzione del «Guardiano dell’Energia »
  • Cod. PS.003: Campagna di promozione Gruppi di Acquisto Verdi (Confartigianato – CEMPI)
  • Cod. PS.004: Attivazione « Sportello Energia » per il cittadino  – Consulenza e Supporto alla scelta prodotti per efficientamento energetico
  • Cod. PS.005: Realizzazione di un Piano per la promozione delle « Buone pratiche » (Ag.21.L)
  • Cod. PE.001: Installazione impianti F.E.R. nelle aree artigianali, nei distretti produttivi
  • Cod. CRE.001: Interventi di efficientamento della pubblica illuminazione
  • Cod. CRE.002: Interventi di efficientamento della gestione di adduzione acqua potabile nonchè di smaltimento acque reflue e di depurazione delle stesse – Gestione del Servizio Idrico Locale
  • Cod. RR.001: Efficientamento sistema raccolta e trattamento rifiuti differenziati
  • Cod. RR.002: Installazione sistema PLASMA CONVERT SYSTEM – TIPO STARTECH per il trattamento dell’indifferenziato e per la produzione di energia combustibile H2

Vedi il Piano energetico comunale – P.A.E.S. del Comune di Noto

Obiettivo del P.A.E.S.: tutti gli interventi dovranno ottenere come risultato complessivo la riduzione delle emissioni di CO2 per un valore non inferiore al 20% entro il 2020 rispetto a quello valutato nel 2011.   

Per eventuali chiarimenti: rivolgersi all’Ufficio Team Energy – PAES presso il Servizio 4 « Energie alternative, Patto dei Sindaci, Agenda 21 » - Settore 3 « LL.PP., Urbanistica e Tutela del territorio » in Piazza Crispi n. 2 – 96017 Noto (SR) – Recapito : Tel. 0931.896334-302 – Responsabile del procedimento PAES (arch. Giovanni Fugà); e-mail: giovanni.fuga@comune.noto.sr.it

Documenti da consultare
1) - PAES Noto - 29/01/2015
2) - Presentazione PAES ATS
3) - Elenco edifici Audit energetico
4) - Aggiornamento dati IBE del PAES Noto
5) - Elenco linee PAES ATS

 

Agenda 21 locale

Contratto di Fiume e di Costa