Home / Il Comune / Agenda 21 locale - Città di Noto

Agenda 21 locale - Città di Noto

Piano di Azione per lo Sviluppo Sostenibile e Bilancio Ambientale

 

Cos'è l'Agenda 21 locale

Agenda 21 locale è nata ufficialmente all'Earth Summit di Rio De Janeiro nel 1992 e rappresenta uno strumento strategico per incoraggiare e promuovere i principi della sostenibilità e contiene gli impegni che la comunità locale si assume per il 21° secolo.
Agenda 21 locale (A21L) è uno strumento volontario in cui l'Amministrazione Locale assume un ruolo di propulsore e di orientamento nel coinvolgimento dei diversi attori pubblici e privati (stakeholders) portatori di interessi diffusi e che insieme interagiscono sul territorio.
Il processo è basato sui principi di sussidiarietà, partecipazione ed integrazione della dimensione ambientale ed è finalizzato alla costruzione di una visione comune e di politiche condivise per lo Sviluppo Sostenibile a livello locale.
A21L rappresenta un percorso consapevole di sviluppo locale in un'ottica di miglioramento della qualità della vita ed un nuovo modo di amministrare la realtà locale, integrando le azioni del governo locale.
Il Forum cittadino di Agenda 21 locale, costituito in forma volontaria e gestito secondo un regolamento al quale aderiscono tutti i portatori di interessi (stakeholders) che hanno sottoscritto il documento di indirizzo programmatico e si impegnano a perseguire i principi della Carta di Aalborg per raggiungere gli obiettivi della sostenibilità sociale, ambientale ed economica, dibatte e si confronta per elaborare un Piano di Azioni per la sostenibilità locale interagendo con l’Amministrazione per definire programmi e progetti da realizzare nel breve, medio e lungo termine.

 

Cos'è lo Sviluppo Sostenibile

"Lo Sviluppo Sostenibile è quello Sviluppo che soddisfa i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere le medesime possibilità per le generazioni future" (Rapporto Bruntland, WCED, Commissione Mondiale per lo Sviluppo e per l'Ambiente '97). In altre parole: "Dovremo restituire il Paese (il Pianeta) così come ci è stato consegnato dai nostri padri ai nostri nipoti che ce lo hanno dato in prestito".
L'obiettivo della Amministrazione di Noto, dunque, è quello di rendere la Città "capace di futuro", cioè, capace di "creare condizioni di vita sostenibili per noi e per i nostri figli".
In questo percorso è indispensabile la partecipazione di tutti i cittadini e di tutte le componenti sociali unite e coese nella condivisione di una visione della Città a breve, a medio ed a lungo termine.
E' per questo, che la dimensione locale diviene l'anello fondamentale del processo di arricchimento dello Sviluppo Sostenibile, secondo la logica del coinvolgimento della comunità locale "dal basso verso l'alto", in base alla quale le azioni intraprese a livello territoriale contribuiscono ad integrare gli obbiettivi di sostenibilità nazionali e sopranazionali.
Promuovere una "cittadinanza attiva" finalizzata a rendere praticabile la sostenibilità dello Sviluppo, può far si che l'individualismo e il corporativismo lascino il posto alla solidarietà ed alla armonica convivenza sociale: "l'individuo che guarda solo a sé stesso, non guarda al futuro".
Su questi principi, come si legge sul Documento Programmatico e la Dichiarazione di Sostenibilità sociale, economica e ambientale del Comune di Noto si fondano le basi per un nuovo modello di sviluppo economico e turistico secondo i principi della sostenibilità.
"Il Forum cittadino è lo strumento che coinvolge, nella discussione e nel confronto, tutti gli attori presenti sul territorio, in un progetto di Agenda 21 Locale. E' uno strumento di integrazione che, grazie all'apporto della collettività, propone nuove idee e progetti per il miglioramento del territorio nel quale tutti i soggetti svolgono la loro attività. Ha la funzione e lo scopo di trattare argomenti diversi, rapportandosi con portatori di interessi diversi."

 

AGENDA 21 LOCALE – CITTA’ DI NOTO

1) Adesione al Coordinamento nazionale delle Agende 21 Locali italiane: Con Delibera di Giunta Municipale n. 12 del 23/01/2004, il Comune di Noto ha aderito al Coordinamento nazionale delle Agende 21 italiane con le finalità di rendere sostenibile lo sviluppo integrando aspetti economici, sociali ed ambientali secondo gli indirizzi delle Carte di Aalborg, Goteborg e Ferrara e in particolare:
a) Promuovere le pratiche per lo sviluppo sostenibile secondo il processo partecipativo di Agenda 21.
b) Favorire lo scambio di informazioni sulle tematiche ambientali e la cooperazione tra gli enti e gli operatori coinvolti nel processo partecipativo.
c) Monitorare, raccogliere, diffondere e valorizzare studi, ricerche, buone pratiche al fine di diffondere esperienze positive di sviluppo sostenibile attuate attraverso il processo partecipativo di Agende 21 locale e promuovendo la valorizzazione presso Organismi nazionali e internazionali.
d) Promuovere e sviluppare attività di ricerca, confronto e approfondimento specialistico su temi di rilevante interesse nell’attivazione del processo di Agenda 21 Locale in collegamento con le migliori e più accreditate istituzioni pubbliche e private operanti nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico, nonché con il sistema universitario.
e) Promuovere e facilitare la candidatura dell’Associazione e dei soci a progetti e iniziative internazionali e nazionali.
f) Collaborare attivamente con l’Unione Europea, il Governo Italiano, la Campagna Europea città Sostenibile e le altre Reti Nazionali ed Internazionali, nonché con le Associazioni di Regioni ed Enti Locali per la promozione reciproca e per concertare, organizzare e realizzare iniziative congiunte sul tema dello sviluppo sostenibile e dell’Agenda 21 Locale.
2) Adesione alla Carta di Aalbord – Città Europee per lo sviluppo sostenibile e durevole: Con Delibera di Giunta Municipale n. 13 del 23/01/2004, il Comune di Noto aderisce alla Carta di Aalborg – Carta delle Città Europee per lo sviluppo sostenibile e durevole per partecipare ai cofinanziamenti promossi dal Ministero dell’Ambiente attuando Agenda 21 Locale ed elaborando un Piano d’Azione a lungo termine, sugli obiettivi di sostenibilità economica, ambientale e sociale.
3) Adesione al Coordinamento regionale delle Agende 21 Locali Regione Siciliana: Nel 2006 l'Amministrazione Comunale di Noto ha aderito al Coordinamento delle Agende 21 locali della Regione Sicilia;
4) Costituzione del Forum cittadino di Agenda 21 Locale – Città di Noto: si costituisce a Noto in data 03/12/2006, coordinato dal prof. Andrea Mingo ed è composto dalle seguenti Associazioni: A.I.A.B. – Associazione Italiana per l’agricoltura biologica – Coldiretti sezione di Noto – Scuola diocesana alla formazione socio – politica “G. La Pira” di Noto – Lega Ambiente sezione di Noto – club UNESCO di Noto – Club 4x4 Val di Noto – Associazione culturale “In Movimento”.
AGENDA 21 LOCALE E FORUM CITTADINO: con deliberazione del C.C. n. 42 del 15/09/2011 sono state approvate le “Linee guida per la gestione di Agenda 21 locale di Noto e del Forum cittadino”. Inoltre, è stato approvato: a) il Documento di indirizzo programmatico “Progetto Noto sostenibile” (approvato nell’Assemblea plenaria del Forum cittadino svoltasi il 29/02/2008 presso la sede della Pro Loco di Noto); b) la Dichiarazione di sostenibilità economica, ambientale e sociale; c) le Linee guida di gestione di Agenda 21 locale di Noto e il Regolamento per la gestione del Forum cittadino.
CENTRO C.E.A. (CENTRO DI EDUCAZIONBE ALL’AMBIENTE E ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE): con delibera di G.M. n. 144 del 09/07/2010 è stato istituito il Centro C.E.A. di Noto presso la sede nell’ex Convitto Ragusa (Corso Vitt. Emanuele, 90) la cui programmazione delle attività deve essere svolta secondo le linee guida per l’accreditamento dei C.E.A in Sicilia emesse dall’A.R.P.A. Sicilia. La delibera ha approvato
uno “Schema di Protocollo d’intesa” con il Consorzio Universitario “C.U.M.O.” ed eventuali Associazioni culturali che volessero aderire, nonché un “Progetto di Educazione Ambientale” nelle scuole di primo grado (elementari e medie) già sperimentato presso l’I.C. “G. Melodia” per l’A.S. 2006-2007.
5) Progetto Europeo “E.Vi.Med.”: nel 19-20 aprile 2007 l'Amministrazione comunale ospita a Noto il Seminario Tecnico internazionale sul “Turismo sostenibile: Centri Storici e aree protette” che conclude i lavori iniziati nel 2003 sul “Progetto Europeo "E.VI.MED." “, co-finanziato dalla UE e capofila la Reg.ne Toscana con i partners: Spagna, Francia, Grecia, Italia (Reg.ne Toscana e Reg.ne Sicilia) e il Comune di Noto;
6) Linee guida per la redazione del Piano di Azioni per la Sostenibilità e Dichiarazione di Sostenibilità - Agenda 21 Locale “Noto Sostenibile” contenute nello Schema di Massima del nuovo P.R.G. di Noto: con Delibera del Consiglio Comunale n° 84 del 24/10/2007 è stato adottato lo "Schema di massima" del nuovo P.R.G. di Noto nel quale sono contenuti le “Linee guida per la redazione del Piano di Azioni di Agenda 21 locale del Comune di Noto e la Dichiarazione di sostenibilità sociale, economica e ambientale;
7) Progetto Europeo "Manag.Med": nel 2008, il Comune di Noto è stato partner al progetto Europeo “Manag.Med” con capofila il Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana insieme alla Grecia, Turchia, Marocco e altri Paesi del Mediterraneo avente per obiettivo la creazione di modelli di monitoraggio delle attività agricole in territori sensibili per l’ecosistema ambientale.
8) Piano Strategico “Città per lo Sviluppo”: il Comune di Noto aderisce al piano strategico insieme ai Comuni di Avola (ente capofila), Pachino, Portopalo di C. P., Rosolini, Ispica (RG) e Pozzallo. Nel Luglio dell’anno 2011 viene svolto un incontro per la presentazione del Piano al quale la Regione Siciliana ha approvato il Programma e le Strategie di sviluppo utili per il raffronti di incompatibilità con gli interventi e le previsioni che interessano i territori appartenenti al comprensorio. (per la visualizzazione del documento completo di programmazione strategica, si può consultare il sito: www.cittaperlosviluppo.it).
FASE ATTUATIVA DEL PIANO STRATEGICO: il processo di definizione della matrice strategica trova nell’analisi di coerenza dei PO FESR – FSE – Sviluppo Rurale Sicilia 2007-2013 un momento di verifica ed affinamento rispetto ai quadri programmatici sovraordinati già esistenti, fatto che risulta essenziale ai fini di una concreta operatività in fase di attuazione degli interventi.

E’ stato diffuso un “Questionario” per la rilevazione sullo stato socio-economico del territorio e sul rapporto con la Pubblica Amministrazione diffuso ai cittadini, famiglie, stakeholder, P.A., Organizzazioni no profit, ONG, Scuole, Enti religiosi, Associazioni di categoria (Artigianato, Agricoltura, Commercio, Industria, Edili, Servizi), Sindacati, Associazioni ambientaliste, culturali, sportive, Professionisti, etc. (vai al Link agenda-21-informa)

I Documenti
Le Carte di Aalborg, di Rio de Janeiro, di Hannover, di Ferrara, di Lavarrone, di Joannesburg (I Documenti sono consultabili presso il Sito Web del Coordinamento delle Agende 21 Italiane – www.a21italy.it)

Bilancio Ambientale
Il Bilancio Ambientale è uno strumento che nasce dall'esigenza di contabilizzare le spese e gli investimenti nei risultati di qualità ambientale conseguenti sia da attività private che pubbliche.
Il Bilancio Ambientale organizzato per "aree di competenza" rappresenta per la Amministrazione comunale:
- uno strumento che aiuta a migliorare la programmazione delle politiche ambientali e ne permette il controllo con azioni di monitoraggio e rendicontazione;    
- uno strumento che aiuta ad attuare una gestione consapevole ed efficace delle risorse impegnate nel perseguire gli obiettivi di tutela e miglioramento ambientale poichè permette di misurare l'efficacia e l'efficienza di tale impegno attraverso il coinvolgimento degli assessori competenti per le deleghe assegnate e per il raggiungimento degli obiettivi dei dirigenti di settore;
- uno strumento di trasparenza e di coinvolgimento dei cittadini e stakeholders presenti nel territorio negli sforzi intrapresi per migliorare la qualità ambientale del territorio e attuare le azioni di  sostenibilità ambientale, sociale, economica e della governance.  
Il Bilancio Ambientale, come il Bilancio Finanziario, deve essere approvato dal Consiglio Comunale per rendere vincolanti ed effettivi gli impegni (obiettivi) che in esso vengono individuati.
Esso rappresenta una delle priorità strategiche di Agenda 21. Infatti, il Bilancio Ambientale rappresenta uno strumento indispensabile per mettere l'amministrazione nella condizione di perseguire in modo razionale, efficace ed efficiente l'obiettivo di tutela e valorizzazione delle proprie risorse ambientali in una duplice azione:
- fondare le politiche ambientali sulla "informazione ambientale";
- rendere conto in modo chiaro e trasparente ai cittadini della situazione ambientale e dei risultati raggiunti dalla P.A., in modo da mettere il Forum di Agenda 21 locale (costituito da cittadini, associazioni, operatori economici, professionisti, rappresentanti delle forze sociali, etc.) nella condizione di decidere in modo informato.

SETTORE X "Tutela degli animali e Tutela dell'ambiente"
Edificio Protezione Civile - Contrada Faldino - Tel. 0931.896700-703-704-705
Responsabile Settore X: Dott. arch. Giovanni Fugà - e.mail: giovanni.fuga@comune.noto.sr.it
Responsabile del procedimento: Servizio 2 competente - dott. Salvatore Ruscica (Tl. 0931.896700)

Documenti da consultare
1) - Cosa puoi fare per Agenda 21
2) - Relazione Appendice Studio Socio-economico PRG Noto
3) - Studio Socio-economico PRG Noto
4) - Informazione ambientale

 

Patto dei Sindaci

Contratto di Fiume e di Costa